Consiglio metropolitano: PD,NCD e FI bloccano 11,4 milioni per la differenziata dei 92 Comuni napoletani

Consiglio metropolitano di Napoli: PD, NCd e parte di FI (tra cui il Presidente di ANCI CAMPANIA Domenico Tuccillo) lasciano l'aula facendo mancare il numero legale e bloccando 30 milioni di euro per i 92 Comuni in Provincia di Napoli di cui 11,4 milioni per la raccolta differenziata.

0
Consiglio metropolitano di Napoli
Consiglio metropolitano di Napoli

Consiglio metropolitano di Napoli: PD, NCd e parte di FI (tra cui il Presidente di ANCI CAMPANIA Domenico Tuccillo) lasciano l’aula facendo mancare il  numero legale e bloccando 30 milioni di euro per i 92 Comuni in Provincia di Napoli di cui 11,4 milioni per la raccolta differenziata. Inutili sono stati gli inviti degli altri consiglieri provinciali a mettere da parte la campagna elettorale per il Comune di Napoli a favore degli interessi dei cittadini e più precisamente dei 92 Comuni della Provincia di Napoli. In particolare, scorretto è considerato il comportamento del Presidente dell’ANCI CAMPANIA e Sindaco di Afragola Domenico Tuccillo il quale, come tuonano in aula i Consiglieri Ascione e Marrazzo, ha un atteggiamento di parte a tutela degli interessi di Partito, che tozza con il comportamento che dovrebbe avere il massimo rappresentante dei Comuni della Campania in merito allo sblocco di risorse per gli Enti locali e più precisamente per la Raccolta Differenziata. Ad aggravare il comportamento del primo cittadino afragolese è l’indirizzo della variazione di bilancio: il Sindaco di Afragola ha detto di no a fondi per la raccolta differenziata per il suo stesso Comune e per gli altri 91 della provincia di Napoli. Come può il massimo rappresentante dei Comuni dire no, anche se si tratta di poche centinaia di  migliaia di euro, al trasferimento di risorse in un momento in cui le casse dei Comuni sono sempre più svuotate dai continui tagli del Governo e perciò incassare anche il singolo euro può dare un po’ di respiro alle Amministrazioni comunali. “È legittimo scegliere di fare l’uomo di partito e perciò tutelare gli interessi di partito ma questo non significa trascinare tutta la comunità in scelte che vanno a scapito dei Comuni stessi. Questo è praticamente mancanza di serietà e responsabilità e quasi una sorta di conflitto di interessi”, dichiarano i Consiglieri che hanno votato la variazione di bilancio.

Qui il video del capo discusso https://www.youtube.com/watch?v=O_CCRJZQQVo&feature=youtu.be.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl prima e il dopo – ‘L’amica geniale’ di Elena Ferrante
Articolo successivoOculus Rift: un autogol dietro l’angolo?
Giovanni Tuberosa è il Direttore Responsabile di Social, ingegnere elettronico, Consigliere Comunale e maker nell’animo. Gestisce il Fablab Olivetti di Succivo, un progetto sperimentale auto sostenibile per rilanciare la cultura, il lavoro e le eccellenze del Made in Italy, soprattutto intellettuali. Si definisce un lavoratore, un innovatore e crede fortemente nella filosofia olivettiana del lavoro e della società.

Rispondi