Udite Udite, o meglio “Appizzate bene le recchie e l’uocchie”.

Il 22 e il 29 maggio al teatro Sant’Anna, i giovani dell’Oratorio metteranno in scena due imperdibili spettacoli di beneficenza.

Il primo reca il titolo di “Napule è”; i ragazzi presenteranno alcuni sketch di Massimo Troisi, Vincenzo Salemme, poesie bellissime e altrettanto famose. A fare da sfondo ai vari stralci di commedie, ci saranno molti capolavori dell’insigne Pino Daniele.

Nel secondo spettacolo rappresenteranno la storia di un mostro che visse ignaro della città di Napoli alla fine del Settecento, “Il Gobbo di Notre Napule”.
Vedremo come protagonisti: Quasimodo (il Gobbo), il Cardinale Frollo, ‘A Smeralda, Pulcinella, statue di santi (come quella di San Gennaro), il Capitano Febo, le guardie, le lazzarelle.

Insomma, tra risate e musiche legate alla tradizione partenopea, i giovani della parrocchia cercheranno con tutti i mezzi possibili di lanciare un messaggio al pubblico: difendere il territorio e non restare incuranti e in silenzio perchè bisogna migliorare la nostra terra e bisogna farlo tutti insieme.

Napoli è la città del sole, del mare, della pizza “Margherita”, dei sorrisi, delle serenate cantate in coro sul lungomare di Mergellina, ma come tutti ben sappiamo è anche tanto altro.

Queste serate sono frutto di impegno e di buona volontà non solo dei ragazzi, ma soprattutto di sacrifici da parte dell’educatore Davide Punzo, colui che da anni con pazienza e passione dona una parte di se stesso per coltivare questo gruppo sostanzioso.

Essendo spettacoli di beneficenza, il biglietto avrà il costo di due euro.
Vi incitiamo ad essere numerosi perchè queste iniziative vanno prese al volo e ricordate: “Insieme è più bello”.

Rispondi