Siete ancora in cerca di un abito originale e mozzafiato da indossare Martedì? Niente panico. Anche questa volta, in vista del Carnevale, la rubrica di Letteratura ha pensato ai suoi lettori affezionati.

Abbiamo rovistato tanto e alla fine ci siamo riusciti: muse e maschere ispirate ai protagonisti di libri classici e di fama mondiale.

Leggete l’articolo ed esaminate le nostre idee. Se qualcuna vi ha conquistato, iniziate a frugare nell’armadio e nei posti più disparati, affinchè il vostro costume risulti perfetto e ben confezionato. E infine, se vi va, scattevi un selfie e inviatecelo. Ah dimenticavamo, per rendere tutto più speciale, abbiamo scelto non solo singoli personaggi, ma anche intere combriccole, in modo tale che possiate sbizzarrirvi tra amici o in famiglia e mettere in scena una vero e proprio sketch.

Cosa aspettate? Forza, divertitevi con i preparativi e dateci dentro.

– I tre moschettieri, di Alexandre Dumas. Procuratevi qualche abito e lunghi calzettoni, un moschetto, una spada e un capello ampio. Difficile trovare tutto l’armamentario? Non demordete, basta un pò spirito avventuriero. Il motto è “Tutti per uno e uno per tutti”.

– Harry Potter, di J. K. Rowling. Camicia bianca, maglioncino grigio, mantello nero e cravatta a righe per essere gli studenti della Scuola di Magia di Hogwarts Harry, Hermione e Ron. Le ragazze, per incarnare perfettamente la figura di Hermione, dovranno cotonare i capelli per rendere la loro chioma bella folta (quelle già provviste di ricci selvaggi, saranno oggetto dell’invidia di molte). Non dimenticate la bacchetta, è d’obbligo per essere impeccabili; e per i perfezionisti portatevi dietro un librone. Ma se gli amici sono troppi e il trio non è abbastanza, ricorrete ad Albus Silente, Severus Piton o Lord Voldemort. Senza dubbio la scena sarà vostra.

-Il grande Gatsby, di Francis Scott Fitzgerald. Sempre in tiro, alla moda e amanti di feste chic. Per Gatsby, abito nero o smoking e per lei, la dolce e struggente Daisy, occorre un abito sfrangettato bicolore, fermaglio per capelli vistoso e parrucca in “carrè”. Lasciatevi ispirare dalla trasposizione cinematografica del 2013 interpretata da Leonardo DiCaprio, Carey Mulligan e Tobey Maguire. Cogliamo la palla al balzo con Tobey Maguire consigliandovi il fantastico “uomo ragno” o comunemente conosciuto come Spiderman.

– Peter Pan, di Matthew Barrie. Per essere Peter occorrono: leggins, t-shirt e capello piumato di colore verde. Le ragazze saranno poste di fronte ad un bivio. Wendy o Trilly? Per Wendy bisogna indossare un vestitino azzurro e un fiocco tra i capelli, mentre per la piccola Trilly abitino verde, due ali e un make up sbrilluccicoso.

– Dracula, di Bram Stoker. Mantello e pantaloni neri, camicia bianca e viso pallido. Per una personalità agghicciante non possono mancare i denti aguzzi e lo sguardo da succhia sangue.

– Alice nel paese delle meraviglie, di Lewis Caroll. Abito azzurro e grembiule per le fanciulle che si trasformeranno nella dolce e sbadata Alice. Un peluche tra le mani mostrerà la vostra innocenza. Circondatevi di amici che fungeranno da Regina, Coniglio, Bruco e tanti personaggi ancora, sarete un quadro con una cornice perfetta.

– Oliver Twist, di Charles Dickens. Oliver è un bambino umile e trasandato. Ricercate abiti smessi e di vecchia data, panciotto e cappellino vi contraddistingueranno. Per rendere il travestimento ancora più credibile, sporcatevi il viso.

– Frankenstein, di Mary Shelley. Pantaloni, magliettone e scarponi total back. Capelli unti di gelatina e faccia tamponata da un color verdatro. Siate imbronciati e barcollate come creature robotizzate.

– Mary Poppins, la bambinaia messa in vita dalla scrittrice Pamela Lyndon Travers. Stivaletti e gonna lunga o calze coloratissime, ombrello aperto e cappello. Ovviamente, non puo’ mancare una borsa super capiente e piena zeppa di incredibili sorprese.

– Elizabeth Bennet e Mr. Darcy, di Orgoglio e Pregiudizio della cara zia Jane (Austen). Occorre molto impegno per rappresentare due personaggi di questo calibro. Affittate un abito in stile vittoriano o mettete a soqquadro (se ne avete la possibilità) la stanza di bisnonni, bis-bisnonni o ancora bis-bis-bisnonni. Dovrete essere eleganti, con la capigliatura in ordine e un atteggiamento formale. Il loro era un amore d’altri tempi e chissà, una forte dichiarazione potrebbe suggellare per voi un nuovo inizio.

Ovviamente potete provare ad interpretare anche poeti o scrittori appartenenti a secoli scorsi. Pensate alle tre corone fiorentine: Dante, Petrarca e Boccaccio. Incoronatevi e sfoggiate con saggezza qualche verso, se sarete fortunati incontrerete la vostra anima gemella, o se già ne avete una il gioco è fatto. Al vostro servizio Beatrice, Laura e Fiammetta (a seconda della scelta del persognaggio che vi ha sensibilmente ispirato).

Le nostre proposte sono giunte al termine. Se questo articolo è stato di spunto per ulteriori travestimenti pescati sempre da personaggi letterari, condivideteli con noi e aiutateci ad aggiungere nuovi punti alla nostra lista. Ora, non vi resta che mettervi a lavoro e munirvi di coriandoli, stelle filanti e nastrini colorati. Non siate timidi e tra una chiacchiera e l’altra urlate a gran voce: “A Carnevale ogni scherzo vale!”

Rispondi