Social è un progetto che nasce nel 2012 partendo dall’idea che per fare informazione l’unico presupposto fosse la partecipazione. Partecipazione alla realtà che ci circonda, ai processi che riguardano da vicino ognuno di noi; ma anche e soprattutto partecipazione alla formazione dei contenuti che la piattaforma stessa avrebbe ospitato.

Social nasce quindi come un grande laboratorio grazie al quale è possibile avvicinarsi alla realtà, scoprirla, comprenderla e, perché no, persino inventarla. Un modo come un altro per dire che esistiamo solo se  intimamente connessi al fluire degli eventi.

Quest’idea iniziale è fisiologicamente cresciuta, evolvendosi in ciò che al momento è. Un portale d’informazione sul web che si propone una missione che nel paradossale mondo di internet sembra quasi una rivoluzione. Offrire ai propri lettori un’informazione genuina, verificata nelle sue fonti e soprattutto riflessiva. La comunicazione si muove a volte più veloce degli stessi avvenimenti, svilendone di fatto il senso e la portata.

Ecco, Social si propone proprio di porre un freno alla schizofrenia informativa dell’ultimo decennio per far posto ad una dimensione più pacata, originale, a misura d’uomo. Una webzine che non ha niente a che fare con le distorsioni che il web stesso offre con fin troppa disinvoltura.