Ebbene si, anche quest’anno la gloriosa fiera del fumetto e del gioco partenopea si è crogiolata nei cuori di ogni suo partecipante e non solo! Questo è stato anche l’anno dei record di incasso: basti pensare che i biglietti hanno raggiunto l’80% della soglia di vendita solo il primo giorno , e sono stati completamente esauriti negli ultimi tre, senza contare il rapido sold out degli abbonamenti già un mese fa. Che dire, un successo al botteghino ma anche per quanto riguarda le iniziative e gli eventi, ed anche i partecipanti hanno contribuito alla “perfezione” di questa edizione 2016.

Ma come mai questo “boom” nelle prevendite e nelle vendite ai botteghini? Dal 1998 fino al 2009 il Comicon era incentrato unicamente sul mondo del fumetto e i suoi artisti. Nel 2010, invece, il Comicon si fonde con il Gamecon (la fiera del gioco e del videogioco) che parallelamente si occupava di videogames, giochi da tavolo inclusi quelli di carte collezionabili, ed anche di attività cinematografiche con tematiche videoludiche e fumettistiche. Infatti, nei primi due anni la fiera si divideva in due location: Castel Sant’Elmo e  Mostra d’Oltremare.

Dopodiché si è deciso, nel 2012, di chiamare la fiera unicamente Comicon e allocarla solo alla Mostra d’Oltremare a causa dell’eccessivo numero di visitatori: pensate che nel 2009 i biglietti venduti erano solo 25.000, mentre quest’anno si supera la soglia dei 100.000. Sarà… ma non è un caso che appena sono stati inseriti contenuti videoludici i visitatori si sono quadruplicati; quindi, a voi le considerazioni!

Bene! Adesso proveremo a riassumere “con una sola parola” come Social ha trascorso la giornata alla nostra amata fiera.

FILAcomicon

C’era la fila per entrare ovviamente: un oceano di persone dove a malapena si riusciva a scorgere l’ingresso. Una volta entrati c’era un’altra fila per prendere la mappa degli stand e degli eventi (Si, ci voleva la mappa!). Successivamente ti giravi intorno e vedevi… file; addirittura per fare una foto con i Cosplayer!  Senza contare quelle per poter stringere la mano agli ospiti come: il leggendario Don Rosa (disegnatore Disney), Milo Manara, il celebre sceneggiatore di fumetti Tito Faraci (Lupo Alberto, Dylan Dog, ecc…), il maestro Silver (“Papà” di Lupo Alberto).

Non da meno è stata la coda per assistere alla permiazione di Kobane Calling di ZeroCalcare come miglior storia breve, e di Rat-Man, di Leo Ortolani, come miglior serie dal tratto non realistico.

E per finire… File interminabili per “provare” League Of Legends, anche se il 99,9% delle persone che ci hanno giocato lo conoscevano già e l’altro 0,1% erano probabilmente i genitori dei bambini (…forse).

In ogni caso le code che abbiamo elencato sono sufficienti per dimostrare che questa edizione 2016 della fiera del fumetto è stata un successone per ogni stand, iniziativa o evento organizzati, quindi che dire… .

Vi aspettiamo il prossimo anno per una nuova edizione del Comicon.

 

 

Rispondi