dark souls 3 gameplay reveal trailer gamescom 2015Speriamo bene

Ormai si sa che la cara vecchia From Software ha l’abitudine di mostrare i titoli in sviluppo un po’ alla volta. Questo permette agli esperti del settore di rilasciare approfondimenti sempre puntuali e sempre molto dettagliati a riguardo. La prima volta che è stato mostrato Dark Souls 3 si poteva vedere ben poco, ma tutto lasciava presagire una buona scelta di design e un gameplay molto simile al primo capitolo della saga e a Demons’souls.

Graficamente parlando, il titolo provato è sulla falsa riga di Bloodborne: il Blur è stato ridotto per rendere i combattimenti più godibili, specialmente quelli dei boss; il frame rate è stabile, con cali che però non disturbano la vista. Tutto quello che si vede nell’ambientazione sarà raggiungibile dal giocatore: questo vuol dire che avremo un Mondo Interconnesso, cosa che ricorda molto il primo Dark Souls. Insomma, si torna alle origini, finalmente!

Il level design (almeno quello del primo livello) è veramente ben fatto, con scorciatoie che potremmo adottare. Le armi sono molto ben curate. Ad esempio, avremo molte differenze tra un arco corto e uno lungo, una scimitarra avrà tempi di attacco più corti rispetto ad uno spadone, e ci saranno variazioni sul potenziale di attacco anche in base al peso dell’arma che si usa. Ovviamente Bloodborne ha segnato molto questo sviluppo e chi ci ha giocato saprà riconoscere il timbro immesso nel gioco. Le animazioni della schivata e alcune parti delle ambientazioni sono prese direttamente da Demon’s souls, mentre è evidente la mano di Miyazaki.

Roba nuova Roba fresca

Con il tasto L2 sarà possibile mettere il proprio personaggio in posizione di attacco, come se fosse pronto ad attaccare. Stando in questa posizione, con i tasti di attacco sarà possibile  sbloccare un attacco speciale che cambia a seconda del personaggio e dell’arma. Con la spada lunga sarà possibile far fare al PG un affondo che sbilancia lo scudo dell’avversario; il barbaro invece, è dotato di un’ascia, e potrà usufruire di un urlo di battaglia in grado di provocare un boost all’attacco per un periodo limitato.

Il sistema delle magie è stato riveduto e corretto, rifinito anche sotto il punto di vista grafico. Nella demo saranno disponibili solo 3 magie: Lightning spear, Guarigione e Soak Oath. Quest’ultima darà un boost all’attacco e alla difesa per un tempo limitato.

Le animazioni magiche saranno più veloci, più immediate e meno pesanti rispetto al precedente gioco. Tuttavia ogni magia deve essere usata per il suo scopo: non sarà possibile infatti usare “Guarigione” durante un combattimento, mentre Lightning spear rende alcuni combattimenti notevolmente più facili e divertenti.

Anche il primo titolo targato Miyazaki, Demon’s souls, ha prestato il suo meglio. Infatti (ed è una novità assoluta per la serie Dark) si dice addio al numero sotto le magie che indica quante volte si possono fare, ed è stata implementata la barra blu della magia (i classici MP) che avranno molta rilevanza nel titolo. Molte magie, infatti, potranno anche svuotare completamente la barra e alcune svuotarla solo di poco: sta al giocatore decidere. Per ricaricare la barra sarà necessario riposare ad un accampamento o utilizzare un oggetto che si affiancherà alle Fiaschette Estusm, ormai canoniche.

Che dire? Dark Souls 3 sta già facendo scalpitare i fan della saga che non aspettano altro che l’uscita del nuovo capitolo della serie, che, siamo sicuri, saprà lanciare una nuova sfida ai vecchi giocatori, che hanno visto in Dark Souls 2 un grosso scivolone.

Insomma, le innovazioni ci sono, le idee anche, e noi ci aspettiamo grandi cose.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Napoli mette la quinta e riparte dall’Europa: Bruges annientato al San Paolo
Articolo successivoFantamanager – Guida alla 4^ giornata di Campionato
Giovanni Tuberosa è il Direttore Responsabile di Social, ingegnere elettronico, Consigliere Comunale e maker nell’animo. Gestisce il Fablab Olivetti di Succivo, un progetto sperimentale auto sostenibile per rilanciare la cultura, il lavoro e le eccellenze del Made in Italy, soprattutto intellettuali. Si definisce un lavoratore, un innovatore e crede fortemente nella filosofia olivettiana del lavoro e della società.

Rispondi