Una palazzina di quattro piani è crollata a Torre Annunziata, nel Napoletano. Secondo le prime informazioni dei Vigili del fuoco, nel crollo del terzo e del quarto piano sarebbero coinvolte due famiglie per un totale di otto persone tra cui due bambini, che potrebbero essere state colte nel sonno. Il crollo è avvenuto infatti intorno alle 6:20. La palazzina si trova in via Rampa Nunziante.

Intanto i vigili del fuoco, la polizia, i volontari scavano anche con le mani alla ricerca delle persone che presumibilmente sono sotto le macerie. È  una corsa contro il tempo.  A raccontare i primi istanti della tragedia  è  il proprietario dello stabile che si trova proprio di fronte   alla palazzina crollata. “Era da poco rientrato mio figlio. Potevano essere le 6.20 di stamattina – dice tra le lacrime il vicino di casa – a un certo  punto abbiamo sentito  un rumore come se stessero cadendo bottiglie in quantità. Ci siamo affacciati  e c’era una nuvola di terra. Non si capiva ancora cosa fosse successo. Poi ci sono state le urla degli inquilini della palazzina confinante  che è  rimasta in piedi. A quel punto  abbiamo capito e abbiamo chiamato i soccorsi”. Il quinto piano della palazzina è  praticamente scomparso. Del quarto e del terzo restano in  piedi poche pietre. Ma è crollata sola la parte a nord. Quella esposta lato mare è rimasta intatta.
Mentre si scava ogni tanto qualcuno chiede di fare silenzio per cercare di sentire eventuali grida di aiuto o flebili lamenti. Sul posto sono arrivati anche i cani poliziotto  che  daranno un aiuto ad individuare dove sono i corpi  degli inquilini.

E’ stata interrotta anche la linea Vesuviana che passa nei pressi dell’edificio coinvolto nel crollo, a causa dei massi caduti sui binari. Secondo testimoni, poco prima del crollo era passato un treno.

 

Rispondi