In questo venerdì tutto letterario, Social ha deciso di consigliare dieci libri di Natale agli amanti della lettura. Leggete le nostre proposte e correte in libreria.
Pronti? Partiamo.

– “Un canto di Natale” di Charles Dickens;
Al primo posto, non potevamo che proporvi il classico dei classici. Racconto morale vittoriano, che vede come protagonista Ebenezer Scrooge, un vecchio avaro e triste. Durante il corso della storia, un’esperienza porterà Scrooge a riscoprire l’amicizia e il perdono. L’atmosfera natalizia e gli elementi fantastici faranno da cornice alla storia.
Se avete già letto questo libro, ma amate la scrittura del nostro Dickens non demordete; ci sono altri quattro libri dal profumo natalizio: “Le campane”, “Il grillo del focolare”, “La battaglia della vita” e “Il patto col fantasma”.

– “Polar Express” di Chris Van Allsburg;
Narra la storia di un ragazzo che si trova a letto la sera della vigilia di Natale e viene raggiunto dal Polar Express, un treno magico che lo invita a viaggiare su di esso per andare al Polo Nord. Inizia qui, la vera storia.

– “La piccola fiammiferaia” di Hans Christian Andersen;
Racconto tristissimo che vede come protagonista una bambina povera, che vende fiammiferi. Una notte, il freddo è sempre più intenso, la piccola ha paura di tornare a casa perché non ha venduto abbastanza; la storia termina con una tragedia.
È una fiaba danese che non ha lieto fine, ma dà una vera e propria lezione morale.

– “Lo Schiaccianoci e il re dei topi” di Hoffmann;
Lo schiaccianoci è il giocattolo preferito di Marie Stahlbaum che a Natale prende vita e la porta in un mondo fantastico, dove poi riesce a sconfiggere il malvagio re dei topi.
Un compositore russo e due coreografi hanno trasformato la storia nel noto balletto: ”Lo schiaccianoci”, oggi di fama mondiale.

– “Le lettere di Babbo Natale” di Tolkien;
Narra le avventure e le disavventure di Babbo Natale e dei suoi aiutanti.
Sono lettere bellissime che l’autore scrisse per i suoi figli.

– “Notte di Natale. Quindici storie sotto l’albero”;
Quindici letture per attendere insieme a grandi autori (Stifter, Gogol’, Gaskell, Dostoevskij, Maupassant, Yeats e tanti altri) l’arrivo del Natale.

– “Il Grinch” del Dr. Seuss;
Tutti conoscete il Grinch interpretato dal fantastico Jim Carrey, ma forse non tutti sanno che esso nasce da ‘How the Grinch Stole Christmas’ del Dr. Strauss.
Il Grinch odia il Natale e medita costantemente di rubare tutti i regali per impedirgli di arrivare. Però, a sorpresa il Natale arriva lo stesso e il Grinch finalmente comprende il significato di questa festa.

– “Il sarto di Gloucester” di Beatrix Potter;
È la storia di un sarto che deve completare per il giorno di Natale un lavoro molto importante, ma sfortunatamente si ammala; grazie all’aiuto di animaletti speciali, però, riuscirà nel suo intento.
Nei paesi anglosassoni è tradizione leggerlo la sera della vigilia di Natale ai bambini.

– “Twas The Night Before Christmas” (“Era la notte prima di Natale”) di Clement Moore;
Per tradizione questa poesia viene attribuita a Clement Moore, ma la paternità dello scritto non è del tutto certa. Fu pubblicata per la prima volta nel 1823. Con questa poesia si è avuta la concezione americana del Babbo Natale (il suo aspetto fisico, la visita notturna con le renne e la consegna dei regali ai bambini buoni) che vediamo nei film natalizi.

– “Il libro di Natale” di Lagerlöf Selma;
L’inverno svedese, le storie raccontate davanti al fuoco ardente, la nostalgia dei tempi andati; questo e tanto altro ancora è quello che potete trovare all’interno del suo libro.

Avete letto e siete curiosi? Perfetto!
Terminata la corsa per i regali (uno di questi libri potrebbe esserlo), le interminabili passeggiate nelle città più caratteristiche per ammirare le luminarie mozzafiato e dopo aver aiutato a preparare le pietanze per l’imminente festa, non vi resta altro che aprire il vostro regalo e sfogliarlo. Assaporate l’odore delle pagine (magari davanti ad un caminetto o nella posizione che rende più appagante la vostra lettura) e iniziate; del meritato relax vi è dovuto!

Rispondi