Tra i 27 libri presentati lo scorso 1° aprile, il Comitato direttivo del Premio Strega (promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega) ha selezionato i dodici semifinalisti della settantesima edizione.
Le presentazioni ufficiali dei finalisti si terranno a Sanremo il 30 aprile e a Benevento il 5 maggio.

Coloro che hanno prescelto i candidati da tenere in gara sono: Tullio De Mauro, Valeria Della Valle, Giuseppe D’Avino, Simonetta Fiori, Alberto Foschini, Paolo Giordano, Enzo Golino, Giuseppe Gori, Melania Mazzucco, Luca Serianni e Maurizio Stirpe.

Adesso, però, è giunto il tempo di scoprire gli autori e i rispettivi titoli dei loro scritti.

  • L’uomo del futuro (Mondadori) di Eraldo Affinati.
  • La scuola cattolica (Rizzoli) di Edoardo Albinati.
  • Dove troverete un altro padre come il mio (Ponte alle Grazie) di Rossana Campo.
  • Dalle rovine (Tunué) di Luciano Funetta.
  • Le streghe di Lenzavacche (e/o) di Simona Lo Iacono.
  • La reliquia di Costantinopoli (Neri Pozza) di Paolo Malaguti.
  • Il cinghiale che uccise Liberty Valance (minimum fax) di Giordano Meacci.
  • L’addio (Giunti) di Antonio Moresco.
  • Conforme alla gloria (Voland) di Demetrio Paolin.
  • La figlia sbagliata (Frassinelli) di Raffaella Romagnolo.
  • Se avessero (Garzanti) di Vittorio Sermonti.
  • La femmina nuda (La nave di Teseo) di Elena Stancanelli.
    Lo scontro si farà particolarmente duro il 15 Giugno. Infatti, dopo un’accurata scrematura. si contenderanno la finale solo cinque scrittori.
    Il “vero” vincitore verrà proclamato l’8 luglio, con la seconda votazione da parte dei rinomati “Amici della domenica”. A questi, vanno aggiunti 40 lettori forti (selezionati appositamente da librerie indipendenti italiane) e 20 voti collettivi (da parte di scuole, università e Istituti di Cultura).
    Il tutto ammonta a 460 soggetti con diritto di voto
    Inoltre, per la prima volta nella storia del premio Strega, il vincitore verrà annunciato all’Auditorium “Parco della Musica” di Roma e non più nella cornice del Ninfeo di Villa Giulia.

    A distanza di qualche mese, secondo voi chi merita di restare in gara fino alla fine? Cosa ne pensate dei libri presentati in quest’ambito concorso letterario?
    A prescindere dal vincitore e dalle preferenze di ognuno di noi, la cosa davvero bella è che si continua a “lottare” per quale pezzo di cultura debba guadagnarsi il podio, distraendoci o talvolta rifiutandoci, di rincorrere talk show di basso livello o addirittura spacciando giornaletti di gossip per buone e sane letture.


Rispondi