Dove mi porti

parte mia?

 

Dove, che io non so,

ovunque tu mi porterai.

 

Sono, alla fine del viaggio,

e con te sarò.

 

Inizio o fine non importa,

perché senza orizzonte è l’occhio del peregrino,

parte mia.

 

Ti ho mano nella mano,

e guardo i tuoi passi

in cerca dei miei,

i tuoi delitti

per le mie vittime,

i tuoi naufragi

per le mie scogliere.

 

I tuoi amori,

che nulla possono

senza i miei baci.

 

Non abbandonarmi,

che questo pensiero

mi abbandona. 

 

11901077 10207133382363928 643286006 o

CONDIVIDI
Articolo precedenteSalvini e la politica un po’ porno
Articolo successivoNapoli, “male” la prima
Giovanni Tuberosa è il Direttore Responsabile di Social, ingegnere elettronico, Consigliere Comunale e maker nell’animo. Gestisce il Fablab Olivetti di Succivo, un progetto sperimentale auto sostenibile per rilanciare la cultura, il lavoro e le eccellenze del Made in Italy, soprattutto intellettuali. Si definisce un lavoratore, un innovatore e crede fortemente nella filosofia olivettiana del lavoro e della società.

Rispondi