Il quarto incontro sul ring della Formula 1 vede i due alfieri Toro Rosso in un confronto diretto. Una delle sfide più belle di quest’anno, grazie alla giovane età dei due contendenti. Ma andiamo direttamente a conoscere gli avversari e scoprire il vincitore.

Verstappen. Colui che sarà per sempre il pilota più giovane della Formula 1. Sale su una monoposto prima di avere la patente di guida. Al suo annuncio, non pochi hanno storto il naso, un diciasettenne nella categoria regina? Sembrava uno scherzo ma il figlio di Jos ha zittito e stupito tutti. Ottima velocità pura e un’aggressività sbalorditiva durante i sorpassi. Mostra ancora qualche segno di immaturità, ma essa ha permesso tante volte di trasformare gare etichettate noiose in gare molto divertenti.  È ancora legato tanto al padre ma nei momenti in cui ha preso lui una decisione, ha mostrato personalità e non poca. Sono bastate poche tappe del mondiale prima che i big team si accorgessero di lui tanto da far ribadire alla Red Bull, in maniera poco ortodossa, che l’olandese per il momento è di loro proprietà. Non ci dovremo stupire se tra qualche anno il suo nome, a differenza del padre, sarà scolpito negli annali d’oro della Formula 1 e non solo per l’età.

Sainz. Secondo figlio d’arte ingaggiato dalla Toro Rosso. Nel sangue di famiglia scorrono ben due campionati del mondo in WRC. La sua prima stagione è stata costernata tra problemi tecnici e tanta sfortuna. Il piede non gli manca, anche se per sua sfortuna è stato affiancato ad uno che “forse” la sa più lunga di lui. Certo, non bisogna sminuirlo, anche perché alle volte quel pizzico di maturità e di esperienza in più gli hanno permesso di predominare sul compagno di squadra o affrontare gare tecnicamente molto difficili. Non ci si dovrebbe stupire se nella prossima stagione, sperando sia più fortunata di questa, verrebbe anche lui notato da qualche big. Per il momento ha ancora tutto da dimostrare, possiamo definire questo come un anno di rodaggio.

The winner is: Verstappen.

Il giovane olandese ha mostrato a tutti di che stoffa è fatto, riuscendo anche ad ottenere un ottimo 4° posto con la scuderia di Faenza. A differenza del suo compagno, anche se di sfortuna ne ha subita molto meno, ha già dimostrato tanto senza aspettare un anno di “rodaggio”. Nella speranza che nel 2016 entrambi possano combattere alla pari, Social vi dà appuntamento alla prossima sfida: Perez vs Hulkenberg. 

Rispondi