J Stars Victory VSPer i pochi che ancora non lo sanno, J-STARS Victory VS+ è il risultato videoludico della celebrazione per il 45° anniversario del settimanale Weekly Shonen Jump, storica rivista che ha pubblicato (e pubblica ancora oggi) alcune dalle più celebri serie a fumetti per ragazzi: da Dragon Ball a One Piece, da Hokuto No Ken a Rurouni Kenshin, passando per Dr. Slump & Arale Chan, Naruto e Saint Seiya.

All’interno del pacchetto troviamo la bellezza di 52 personaggi (39 giocabili e 13 di supporto), una dozzina di arene tridimensionali completamente distruttibili, quattro modalità ed una serie di extra che faranno la felicità di tutti coloro che ci giocheranno.

Ma non tutto in questo gioco è spettacolare e bello, pad alla mano il gioco si presenta come un picchiaduro mediocre e legnoso, il sistema di combo è molto basilare, il giocatore potrà combattere solo con la pressione dei soli tasti quadrato e triangolo, più delle mosse speciali che possono essere effettuate dalla pressione di R1 con quadrato, triangolo o cerchio.

La modalità Avventura-J è la modalità principale del titolo, una sorta di story mode divisa in quattro capitoli, ognuno dei quali vede come protagonisti tre differenti combattenti provenienti da altrettanti manga. Se il vostro sogno è sempre stato quello di far combattere Rufy e Seiya contro Son Goku e Kenshiro, allora avete trovato pane per i vostri denti.

La struttura di Avventura-J è simile a quella dei giochi di ruolo e ci porterà a navigare le acque dei quattro continenti che compongono il Mondo Jump, per partecipare ad un torneo che permetterà al vincitore di esprimere un desiderio a suo piacere (molto originale).

Durante il nostro viaggio incontreremo decine di personaggi dell’universo Jump che, oltre ad ostacolarci la strada tramite i classici scontri (rappresentati da vascelli visibili sulla mappa), ci proporranno missioni secondarie e ci aiuteranno nella ricerca degli oggetti più disparati. La trama di questa modalità è talmente ridicola da risultare allo stesso tempo piacevole e assurda anche per coloro che ormai hanno raggiunto una certa età.

Per non sbilanciare il tutto gli sviluppatori hanno inoltre deciso di mantenere la lista delle mosse uguale per tutti i personaggi: le varie super e trasformazioni sono facilmente richiamabili premendo R3 (a patto di aver riempito anzitempo l’apposita barra), ma sta poi a noi usarle nelle situazioni e soprattutto nella direzioni giuste, senza dimenticare un briciolo di tempismo. Alcune super coprono infatti un raggio d’azione circolare ma non troppo distante, mentre altre sono efficaci solo se abbiamo avversari di fronte a noi.

Il combattimento è molto legnoso e lento, i personaggi hanno combo sempre uguali, non c’è niente che li differenzi davvero,  solo alcune animazioni sono differenti da personaggio a personaggio. Le voci dei personaggi sono quelle originali, ma il gioco ha a disposizione i sottotitoli in italiano per non perdere ogni dialogo e nessuna parte della storia.

A conti fatti questo J-STARS Victory VS+ si è rivelato un titolo apprezzabile sotto molti punti di vista, ma è bene ribadire che è espressamente indirizzato agli amanti di manga e anime giapponesi.

Se non rientrate in questa cerchia, là fuori troverete picchiaduro decisamente più tecnici e meno legnosi di quello trattato in questo articolo. Se invece, al contrario, vi nutrite delle serie a fumetti Shueisha dalla mattina alla sera, J-STARS Victory VS+ non solo vi rapirà all’istante, ma grazie alla quantità industriale di contenuti e omaggi a manga storici è l’ideale per spendere un sacco di ore da soli, o in compagnia dei vostri amici, in questa calda e lunga estate. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa lezione greca
Articolo successivoNicola Lagioia si aggiudica il Premio Strega 2015 con “La ferocia”

Giovanni Tuberosa è il Direttore Responsabile di Social, ingegnere elettronico, Consigliere Comunale e maker nell’animo. Gestisce il Fablab Olivetti di Succivo, un progetto sperimentale auto sostenibile per rilanciare la cultura, il lavoro e le eccellenze del Made in Italy, soprattutto intellettuali. Si definisce un lavoratore, un innovatore e crede fortemente nella filosofia olivettiana del lavoro e della società.

Rispondi