000journey wallpaper by o l i v i d88mtuj

Journey è piaciuto a molti. C’è chi lo ha trovato magnifico, chi lo ha trovato stupendo, ma c’è anche chi lo ha trovato noioso e neanche dopo 15 minuti voleva subito separarsene. C’è poi chi c’ha giocato e rigiocato svariate volte e chi si è fermato ad una sola, ma tutti siamo rimasti sbalorditi dinanzi a quelle immagini poetiche, colorate e brillanti, la sabbia cristallina, la montagna innevata e lo scivolare del personaggio su di essa.

Ovviamente, su PS4 il gioco offre una grafica 1080p a 60fps che non scenderanno mai, tranne che in determinati casi dove scenderà sui 50 ma niente di grave dato che non saranno molto evidenti. Il gioco presenta differenze molto piccole tra PS4 e PS; la vecchia console Sony poteva offrire una grafica a 720p e le pochissime differenze grafiche non sono neanche tanto marcate, infatti la luce del sole è resa benissimo e soprattutto è stupendo il luccichio della sabbia, che incanterà chiunque ami i giochi dotati di una grafica fantastica.

Su PS4 le emozioni provate già con la vecchia versione per PS3 vengono accentuate: alzarsi in volo, liberare creature che ci aiuteranno e sbloccare nuove parti di un percorso che ci permetterà di andare avanti. Il sonoro è di altissimo livello, le musiche sono d’atmosfera e potremmo anche stare fermi per ascoltare le melodie d’ambiente o le canzoni create per l’occasione. Il gioco si aggira sui 15€, che non sono pochi, ma se saprete davvero gustarvi un’esperienza che va ben oltre il gioco saranno spesi bene, sia su PS3 che su PS4 è consigliassimo. Consigliata anche la versione in streaming su PsVita, magari con delle cuffie, per sentirvi ancora più dentro il gioco.

CONDIVIDI
Articolo precedente“On the road” – Parigi secondo Victor Hugo
Articolo successivoCose rosse per Sel (e non solo)

Giovanni Tuberosa è il Direttore Responsabile di Social, ingegnere elettronico, Consigliere Comunale e maker nell’animo. Gestisce il Fablab Olivetti di Succivo, un progetto sperimentale auto sostenibile per rilanciare la cultura, il lavoro e le eccellenze del Made in Italy, soprattutto intellettuali. Si definisce un lavoratore, un innovatore e crede fortemente nella filosofia olivettiana del lavoro e della società.

Rispondi