kairos afragola mostra fotografica periferie metropolitane castel dell'ovo napoli

Questa settimana Afragola sarà protagonista al Castel dell’Ovo di Napoli dove, da martedì 17 a domenica 22 ottobre, si terràEmpati.a.Napoli“, una cinque giorni gratuita di mostre e conferenze dedicate al tema dell’empatia urbana, ovvero della ricerca di un’anima unica tra paesaggio, architettura, storia della città e i suoi abitanti.

L’associazione culturale afragolese Kairos contribuirà al progetto apportandovi un interessante punto di vista: quello della città metropolitana, periferia spesso bistrattata in nome del “napoli-centrismo”. Ecco, dunque, la mostra fotografica “Periferie metropolitane“, che l’associazione, presieduta da Anna Fabiano, così descrive:

La mostra fotografica “Periferie metropolitane” nasce da un viaggio, una narrazione per immagini, a tratti feroce, che da Napoli arriva nel cuore delle periferie, tra le sue crepe e la sua gente.

Il viaggio, intrapreso più di un anno fa, è diventato giorno dopo giorno un ricongiungimento con noi stessi: uno sguardo nuovo e antico, una voce familiare, un percorso tortuoso che ci ha scoperti prima osservatori, poi critici, coinvolti, alla fine sempre più intimi, affini all’anima e alle piaghe di questi luoghi ed ai loro dolori.

Napoli non è solo la bella madre confinata dentro le mura angioine, ma è anche le sue periferie, spesso orfane a cui si guarda poco e male, escluse di fatto da un “napoli-centrismo” atavico e segregate in geografie della fatiscenza. Luoghi abusati, abusivi, popolosi, incattiviti dalla speculazione fondiaria e della deregulation urbanistica, dall’inedia che uccide cultura, socialità e bellezza.

E abbiamo voluto raccontare lei, la periferia, senza ipocrisie e senza menzogne.

Poi, però, è accaduto che questa periferia l’abbiamo guardata, e vi abbiamo trovato infinite sfaccettature, oltre i cliché, oltre i vicoli con poco sole e con troppe teche di santi e madonne. Sprazzi di bellezza trascurati che abbiamo provato a cogliere e restituire orgogliosamente.

Anime di periferia.

L’anima empatica dei cortili salotti, l’anima colorata dell’accoglienza generosa, l’anima violata delle sopraelevate che tolgono l’aria, l’anima frangibile degli spazi non luoghi, l’anima coriacea che non smette di cercare una strada, ed i volti, le storie, gli occhi che guardano avanti su di un treno che non si ferma ma che porta il mondo più vicino.

Luoghi ai margini, sospesi, che hanno svelato una energia ed una forza incomparabili, che più che un grido di aiuto è sembrato un grido di dignità.

Ecco cosa è accaduto in questo viaggio: abbiamo accolto un grido di dignità.

E vi abbiamo trovato le nostre radici salde. La nostra periferia da difendere.

Afraóla, città metropolitana di Napoli – Anno Domini 2017

La nuova mostra di Kairos costituisce un continuum con quella che, un anno fa, fornì un debutto di successo all’associazione: “Afragola, il passato davanti a noi“, che ha affollato dapprima il bar Contropiano di Afragola e poi le sale del museo d’arte contemporanea CAM di Casoria. Alcune foto di quella mostra saranno presenti anche a Castel dell’Ovo, insieme alle nuove prodotte sempre dalla stessa squadra di appassionati della fotografia: Vincenzo Amistà, Giovanna Delle Cave, Daniela Del Mondo, Vincenzo De Stefano, Maria Salzano.

Non resta altro che fare una bella passeggiata a Napoli per scoprire le nuove suggestioni offerte da Kairos: l’appuntamento per l’inaugurazione è alle 17.00 di martedì 17 Ottobre.

Rispondi