Continuano senza sosta le iniziative e le proposte di SfogliaAtella Lab, il circolo culturale, il live music club, l’associazione che si è proposta fin dai suoi albori di essere casa della cultura nonché crocevia di diverse generazioni.

Venerdì 19 Gennaio SfogliaAtella Lab ospiterà l’esilarante show della redazione di lercio.it, ad oggi forse il più visitato sito di satira made in Italy.

Lercio live è il primo spettacolo ideato e scritto dalla redazione di lercio.it. Telegiornali esilaranti, rubriche improbabili e il meglio del repertorio del sito satirico più famoso e amato d’Italia accompagneranno gli spettatori in un divertentissimo viaggio all’insegna della sporca informazione, sempre in bilico tra realtà e finzione.

Lercio.it è il più famoso sito satirico italiano. Nato nel 2012, ha ottenuto negli anni il consenso unanime di pubblico e critica, vincendo svariati premi: il Premio satira politica di Forte dei Marmi, il Premio satira del Carnevale di Viareggio e 5 Macchianera Italia Awards (gli Oscar del web). Dal 2014 è presente stabilmente nei palinsesti di Radio 2 col notiziario satirico “TG Lercio”, andato in onda anche su Rai 3 in occasione del Concertone del 1° maggio.

“Macchinista fa arrivare il treno in orario: denunciato per apologia del fascismo”

“Giornalista di Studio Aperto non sa di essere in onda e dà una notizia di economia”

“Salvini si sveglia in un mondo migliore e scopre di non esistere”

Dopo neanche una settimana dall’apertura delle prenotazioni è stato subito SOLD-OUT per lo spettacolo di Lercio da SfogliaAtella, e già sono tantissime le richieste per un Lercio bis sul quale per il momento lo Staff del Club atellano non si è ancora espresso.

CONDIVIDI
Articolo precedente5 buoni propositi per il 2018
Articolo successivoLa rivolta dei sacchetti: le incredibili bufale del web
Giovanni Tuberosa è il Direttore Responsabile di Social, ingegnere elettronico, Consigliere Comunale e maker nell’animo. Gestisce il Fablab Olivetti di Succivo, un progetto sperimentale auto sostenibile per rilanciare la cultura, il lavoro e le eccellenze del Made in Italy, soprattutto intellettuali. Si definisce un lavoratore, un innovatore e crede fortemente nella filosofia olivettiana del lavoro e della società.

Rispondi