Un trittico tutto italiano è stato dipinto sul podio di Silverstone bagnato dalla pioggia, che ha mescolato completamente tutti i prognostici. Sul gradino più alto c’è Rossi. Il Dottore a 36 anni vince la gara numero 112 e soprattutto la prima in assoluto sul circuito inglese. Partito 4° bastano pochi giri per fargli prendere le redini della gara, seguito da Marquez come un’ombra. L’italiano e lo spagnolo avevano un ritmo superiore e per metà della corsa i protagonisti sono loro, che giocano al gatto che rincorre il topo. Ma lo spagnolo non regge e cade, in una maniera anche abbastanza strana, lasciando in solitaria Rossi e abbandonando completamente la pazza idea di vincere il mondiale. L’ascesa del dottore però non è stata così semplice poiché, verso la fine della corsa, il gruppo d’inseguitori capitanati da Petrucci si avvicina, ma ormai non ce n’era più per nessuno.
 
Secondo posto per Petrucci che conquista il suo primissimo podio. Una gara bellissima, combattuta con le unghie, ma Desmo-Petrux partito 18° non ha mollato nemmeno per un secondo. Il vincitore di questo weekend è senza ombra di dubbio lui che con una Ducati targata 2014 riesce a tenere a bada Dovizioso. Ed è proprio il Dovi con la Ducati n°4 che chiude il podio italiano. Dopo una brutta partenza si ritrova ultimo alla prima curva ma lancia la sua GP15 a manetta e recupera posizioni dopo posizioni. Dopo tante gare deludenti il morale di Dovi e del team italiano si risolleva, peccato per il suo compagno di squadra, la moto andava davvero forte ma oggi non c’era ritmo.
Chi ne esce completamente sconfitto è Lorenzo. Doveva essere il suo weekend ma non riesce a concretizzare. Non aveva assolutamente il ritmo del suo compagno di squadra e, come in Quatar, ha avuto nuovamente un problema al casco. Dopo la caduta di Marquez la temperatura si è abbassata leggermente e si è ritrovato con la visiera appannata. Poco bello il gesto al rientro dei box, rendendo pubblico un errore che doveva restare privato. Almeno ha limitato i danni ottenendo il 4° posto.  

Rispondi