La 27esima giornata di serie A si chiude con Fiorentina- Napoli, le due squadre si sono affrontate a viso aperto, senza esclusione di colpi ed hanno offerto spettacolo!

I viola passano in vantaggio dopo appena 5 minuti: Alonso viene lasciato libero dai difensori del Napoli e su cross di Borja Valero infila Reina!

Otto secondi per trasformare il pugno in una carezza, l’avversario Alonso in un complice: lo spagnolo, nel tentativo di rilanciare il pallone, serve l’accorrente Higuain che non si fa pregare e gonfia la rete.

Parità ristabilita e ritmo incessante, ma le occasioni si sprecano!

Koulibaly sbaglia più di un passaggio e al 31’ regala un’occasione clamorosa a Kalinic che, solo davanti a Reina, stampa il pallone sulla traversa. Poco dopo è ancora la traversa a salvare gli azzurri su tiro a giro di Tello (in posizione di offside).

Il Napoli prova a reagire, il Pipita serve perfettamente Hamsik, lo slovacco di testa regala palla a Tatarusanu (41‘).

Nella seconda metà di gara l’estremo difensore viola si esalta e fa urlare al miracolo quando, respinto un tiro di Callejon, si oppone alla conclusione a botta sicura del Pipita (57’).

Al 64’ ci prova Mati Fernandez con un tiro a giro che termina alto sulla porta di Reina.

I minuti passano, la stanchezza si fa sentire e si tramuta in errori di impostazione intervallati da entusiasmanti azioni da rete.

Insigne, all’ultimo respiro, dà ai numerosissimi tifosi azzurri presenti al Franchi l’illusione di poter festeggiare la vittoria, ma il suo tiro si infrange su Tatarusanu (91’).

Il risultato non cambia ed è giusto così! Sì perché un punto non consente alla Fiorentina di superare la Roma (prossima avversaria dei viola) e non consente al Napoli di tenere il passo della Juventus (che ha conquistato i tre punti contro l’Inter), ma gli appassionati di calcio potranno ben dire di essersi divertiti!

Mister Sarri dovrà far tesoro delle indicazioni che questo match ha fornito. Il Napoli è forte, ha personalità, è ancora in lotta per il titolo, ma deve essere pronto, nel fisico e nella testa, a combattere questa battaglia!

Rispondi