Per il secondo anno consecutivo si è tenuto a Napoli il prestigioso hackathon della NASA Space Apps Challenge, durante il quale studenti, professionisti e appassionati si sono riuniti il 23 e 24 Aprile ad Agnano, nell’Università di Napoli Federico II, per ideare soluzioni innovative alle sfide proposte dalla NASA.

L’evento ha visto il trionfo degli Sfogliatella to Mars, gruppo di studenti di Ingegneria Aerospaziale, composto da Armando Mocerino (nostro concittadino), Lorenzo Pavone, Michele Pernetti, Dario Pisanti e Francesco Perrelli. Il team si è guadagnato il primo posto, proponendo una soluzione originale di mobilità per l’esplorazione umana della superficie di Marte: l’ <<SRS Explorer>> ideato dai ragazzi,  è un esoscheletro a forma di ragno che , imitando il comportamento del ragno salticida (capace di coprire con un salto, una distanza pari a 40 volte la sua lunghezza), consente all’astronauta di muoversi rapidamente sull’impervio suolo marziano, arrampicarsi su pareti rocciose ed esplorare gli enormi crateri presenti sul Pianeta Rosso.

L’astronauta sarà in grado di muovere il ragno tramite vari sensori e due joystick, i cui segnali verranno condotti ad un computer che elaborerà i movimenti del pilota e li convertirà in azioni dell’esoscheletro.

Un sistema idraulico consentirà poi all’esoscheletro di compiere il tipico salto del ragno salticida.

Ora i ragazzi sono impegnati nella competizione globale dove gareggiano contro altri team vincitori in tutto il mondo, con la speranza di vincere e di essere invitati alla NASA, precisamente al Kennedy Space Center di Cape Canaveral, per assistere ad una missione spaziale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRe Felipe scioglie le Camere, la Spagna torna al voto
Articolo successivoInc. – “La rabbia del ‘mai’ ” di Anna Ruocco
Giovanni Tuberosa è il Direttore Responsabile di Social, ingegnere elettronico, Consigliere Comunale e maker nell’animo. Gestisce il Fablab Olivetti di Succivo, un progetto sperimentale auto sostenibile per rilanciare la cultura, il lavoro e le eccellenze del Made in Italy, soprattutto intellettuali. Si definisce un lavoratore, un innovatore e crede fortemente nella filosofia olivettiana del lavoro e della società.

Rispondi