Intraprendere la lettura di un libro non sempre può risultare semplice, talvolta ci troviamo a vivere un vero e proprio dramma esistenziale.
Temiamo di rimanere delusi, abbiamo paura che le parole non riescano a toccare con delicatezza il nostro animo che necessita di sensibilità (estrema), e speriamo che proprio quel libro che solleviamo all’altezza del cuore non si riveli fatiscente o avulso.

I libri variano tra loro a seconda del genere, dell’ambientazione, dell’anno storico e di tanti altri fattori. Però, una cosa è certa: siamo noi a scegliere, discrezione ai nostri gusti. Ma se i nostri compagni di viaggio hanno una loro identità e sono in grado di restare in piedi grazie al solo fatto di “esistere” e perdurare nel tempo: “Noi come possiamo ritrovarci in essi? Che tipo di lettori siamo?”

Scopriamolo subito e giocosamente.

– Il lettore “DIVORATORE”
Il lettore vorace è sempre in cerca di avventure, la sua felicità consiste nel conoscere sempre cose nuove.
Le pagine non sono mai troppe, esse creano dipendenza; insomma, chi conosce cultura non è mai sazio.

– Il lettore “LUMACA”
L’incipit è la lentezza. Questo tipo di lettore non rinuncia alle sue letture, nonostante decida di prendersela con comodo. In fondo, si legge anche per ritrovare un attimo di serenità personale e poi “Chi va piano, va sano e va lontano”.

– Il lettore “EMOTIVO”
Questo tipo di lettore vorrebbe avere la facoltà di poter cambiare le storie. Il lieto fine dovrebbe essere un must.

– Il lettore “TUTTO FUMO E NIENTE ARROSTO”
Montagne di libri, mai aperti. Riassuntini scopiazzati qua e là, et voilà “Ora so tutto io”.

– Il lettore “CALCOLATRICE”
Tutte le volte sempre la stessa storia. Il lettore “calcolatrice” legge per contare i libri che ha letto.

– Il lettore “TRASPOSIZIONE CINEMATOGRAFICA”
Libro e film dovrebbero uscire in concomitanza. La differenza tra i due deve essere immediata.

– Il lettore “MODELLO”
È l’idea che il lettore ha di sé. Della serie: “Modello è sinonimo di perfezione e viceversa”.
Tralasciando che ognuno è perfetto e particolare a suo modo e differentemente.

– Il lettore “BEST-SELLER”
Questo tipo di lettore legge solo libri che hanno raggiunto l’apice della fama, spesso anche pagliacciate mediatiche.

– Il lettore “PENNA”
Riconosce la grandezza di scrittori di fama mondiale e rivede in se stesso una potenza eternatrice.
La soglia che passa tra “leggere” e “scrivere” è la penna e la maestria dei pensieri che diventano realtà percepibili.

– Il lettore “REBEL REBEL”
Ispirandoci al titolo del genio David Bowie, abbiamo affibbiato un nomignolo ai lettori ribelli. A questa categoria appartengono coloro che attraverso la narrazione di maestose imprese cercano di ribellarsi alla società in cui vivono, rivedendosi come la Libertà che guida il popolo di Delacroix.

– Il lettore “CARTACEO”
Per questo lettore, i libri esistono solo se le pagine possono essere toccate con i polpastrelli delle dita.

– Il lettore “CONVERTITO”
Si tratta di un tipo di lettore moderno, di colui che ha abbandonato i canoni dell’amor cortese convertendosi alla versione digitale “E-Book”.
La visione angelica ha lasciato spazio ad una versione più spinta e conformata alla nostra società di massa.

– Il lettore “REALISTA”
Il lettore realista scaccia ogni scrittore contemporaneo dalla sua vita (al massimo ne riconosce la bravura di un paio). Di quelli passati egli condivide i sogni, i pensieri e modi di essere che mai nessuno potrà raggiungere.
Alla fine di ogni classico si chiede: “Dove sono finiti i geni di una volta?”

– Il lettore perennemente “INSONNE”
Quel che inizia si deve finire; e poi si sa, le letture più travolgenti sono quelle che si fanno nell’arco di una luna calante e lo spuntar del sole.

– Il lettore “SPIAGGIATO”
Sotto l’ombrellone, occhiali da sole, crema abbronzante e libro “leggerissimo” alla mano.
Il lettore spiaggiato legge solo d’estate, in inverno è intento a rivedere sit-com e serie tv strappalacrime.

– Il lettore “SOCIAL” e “POETA-SOCIAL”
Il primo condivide con il mondo intero perle di saggezza che gli hanno realmente accapponato la pelle, l’altro si finge poeta a spese degli altri (poeti). Tutto accade attraverso la piattaforma virtuale.

– Il lettore “CITAZIONE”
Questo tipo di lettore puntualmente cita pensieri e parole di famosi autori. Tutto ciò che hanno detto sono insegnamenti da seguire; importante è portarli sempre nel nostro taschino e tirarli fuori al momento giusto.

– Il lettore “ANNUSATORE SERIALE”
Prima di leggere annusa tutte le pagine del suo libro, ne testa la qualità e il sapore.

– Il lettore “ESTETICO”
Se la copertina è bella anche il libro lo è. Per l’esteta questa è una logica infallibile.

– Il lettore “SOTTOLINEATORE COMPULSIVO”
Le frasi ad effetto meritano di essere sottolineate. Ma cosa succede se siamo colpiti da una moltitudine? Facile, basta sottolineare tutto.

Ecco, siamo giunti al termine della nostra lista. Ora, diteci voi “Che tipo di lettore siete” (ovviamente potete identificarvi anche in più di uno).

Rispondi