12091305 10207439903826773 5613507530356345847 oTra un’ossequiosa folla che si accende per niente,

soffiai un’idea perché la fiamma esalasse alta

il suo calore.

La luce morse l’ombra intorno ai nomadi,

ma la pelle degli amati vibrò un istante

sotto l’arco che abbraccia gli umili.

Poi il fuoco si spense.

Rimase in polvere un ricordo,

e un ricordo è solo un ricordo.

(Il dramma del moto ondoso

e l’eterna fissità delle stelle

è metastasi nell’uomo).

Se smettesse il vento di soffiare tra le foglie

non più vita ma morte.

Se smettessero le foglie di ostacolare il vento

non più vita ma morte.

Corpo che geme e parla non ricorda,

ma un ricordo si, parla e geme come corpo.

Gemono e inutili,

se non sono io, se non sei tu.

Rispondi