In quanti di voi usano ingannare il tempo in metropolitana leggendo? Rifugiarsi dalla calca e dalla noia appiccicosa di un viaggio sotterraneo, in un buon libro?

D’altronde quando il lavoro o gli studi costringono ad estenuanti trasferte sui mezzi pubblici, una fuga letteraria può essere salvifica.

Devono averlo realizzato in Brasile, a San Paolo nello specifico, dove hanno inventato i “Ticket Books”, una collezione di libri tascabili contenente una carta che funge da biglietto della metropolitana. L’iniziativa è opera della L&PM Pockets, editore brasiliano di tascabili e dell’agenzia di marketing e comunicazione Africa Sao Paulo Books, che in occasione della giornata internazionale del libro hanno lanciato questa originale iniziativa, distribuendo gratuitamente libri che consentivano di effettuare 10 corse.

I “Ticket Books”, le cui copertine sono illustrate con disegni che ricordano le mappe della metropolitana, sono acquistabili in appositi distributori. Ogni volume contiene un sistema di identificazione con radio-frequenza RFID che consente di utilizzarlo come biglietto ai tornelli ed è ricaricabile, così da poter continuare con la lettura itinerante o regalare il libro ad un amico. La collezione a disposizione dei viaggiatori-lettori prevede titoli come “Il grande Gatsby”, “Sherlock Holmes” o “Amleto”, grandi classici per incentivare alla lettura un popolo in cui si leggono in media appena due libri l’anno.

Rispondi