Si riparte dal Centro Polifunzionale di Napoli a Poggioreale
Palmeri: “Soddisfatta del lavoro congiunto tra azienda, committente,
Istituzioni, OOSS.”

Dopo tre settimane dalla firma dell’accordo al Mise con il quale sono stati salvati i
220 lavoratori di Gepin, System House ha ufficializzato la sede dove, a partire da
ottobre, i lavoratori riprenderanno l’operatività sulla commessa di Poste italiane.
L’ amministratore di System House, Agostino Silipo già all’indomani dell’accordo
aveva assicurato che non avrebbe perso tempo e così è stato.
“Stiamo già cercando la sede a Napoli per i lavoratori ex Gepin”- aveva affermato
l’Ingegnere – “e vogliamo incrementare il numero delle presenze in Campania e
investire anche in altre province come Caserta”.
“Le idee non mancano” – aveva sottolineato – “fare impresa al Sud si può e chi dice il
contrario non aiuta il Sud a crescere”.
La nuova sede che ospiterà gli ex lavoratori Gepin si trova a Napoli in via Vicinale
Santa Maria del Pianto presso il Centro Polifunzionale in zona Poggioreale.
L’ azienda ha locato un intero piano, l’undicesimo, dell’edificio 5.
System House che ha sede a Reggio Calabria è oggi una realtà importante nel
settore dei Call Center e vanta la gestione di commesse di rilievo quali Enel ed NTV.
“Abbiamo 700 dipendenti a tempo indeterminato da 15 anni” dichiara in una nota
Agostino Silipo “E negli ultimi 20 anni abbiamo firmato un solo licenziamento”.
“Sono pochissime le vertenze che ci vedono protagonisti” continua poi
l’amministratore “le nostre strutture sono di proprietà e il nostro patrimonio è
solido”.
E conclude “Possiamo vantare un capitale sociale di 5 milioni di euro e un casellario
fiscale pari a zero”. Non dobbiamo niente a nessuno”.
Dopo il primo step conclusosi il 10 luglio scorso con l’invio delle domande di
assunzione e di tutta la documentazione necessaria richiesta.
L’azienda ha dato la sua disponibilità per incontrare il prossimo 27/28 luglio al Mise
le OO.SS. di categoria alla presenza del Viceministro Teresa Bellanova ai quali
illustrare il lavoro fatto finora e la futura programmazione aziendale prevista per lo
start up iniziale.
“Voglio ringraziare” dichiara in una nota l’imprenditore calabrese – l’assessore
Sonia Palmeri per la fattiva collaborazione nella prima e delicatissima fase di
individuazione del sito napoletano ed anche le organizzazioni sindacali che mi hanno
validamente supportato in questa fase iniziale”.
“Ho trovato in Campania una valida collaborazione con le istituzioni” sottolinea
Agostino Silipo – intendo lavorare a Napoli in un’ottica di crescita e non escludo in
futuro di portare nuove commesse che determinino nuova occupazione”.
L’ assessore Sonia Palmeri ha dichiarato: “Sono molto soddisfatta del lavoro
congiunto tra azienda, committente, Istituzioni, OOSS., che siamo riusciti a realizzare
per salvare i 213 ex lavoratori di Gepin Contact.
La Sistem House sta mantenendo gli impegni sanciti negli accordi e investirà in
Campania.
Questa vertenza, come quella di Almaviva Napoli (843 lavoratori salvati
dall’accordo), come quella di HP di Pozzuoli, in cui 114 lavoratori sono stati riassunti
in una nuova azienda, e tante altre vertenze ancora mi ripagano di tutti i sacrifici che
il ruolo richiede.”- conclude poi la Palmeri.

Rispondi